Domanda iscrizione anno anno 2015 - 2016 
(scadenza presentazione domanda 16 aprile 2015)

                                                                                 

                                  
 Ente Gestore:
 ESPERIA S.r.l.

Coordinatrice:

Laura FALASCA
E-M@il:
asilogiardinodeicuccioli@crescereinsieme.org
 

Telefono:

+39 06 3306 4051

Fax:

+39 06 3306 4051

Sede:

Via Paolo Emilio Castagnola
   

Referente Aziendale  

Paola BRAZZODURO

E-M@il:

paola.brazzoduro@asl-rme.it
   
   
Educatrici:
:-
 

              Ilaria BUCCOLIERO

Claudia MACCHINI   
 

              Serena DE SANTIS

Michela PUCCI ed.ref.
 

              Simona FABBRUCCI

Roberta PULITI
                Giuseppina FELLI Maria Chiara QUACQUARINI
            
     

Ausiliari:

 

 

Manna CONSIGLIA
  Eliseo  Calixterio TORRES

Cuoche:

 
  Francesca CAMPANA
                

 


Il Giardino dei……cuccioli!!


Il Giardino dei……cuccioli!!

ASILO NIDO "IL GIARDINO DEI CUCCIOLI"  (ENTE GESTORE ESPERIA SRL)

PRESENTAZIONE

Esperia è una società che opera sin dal 1993 nel settore dei servizi all’infanzia e che dal settembre del 1996 ha avviato,
il primo asilo nido convenzionato con il Comune di Roma al quale si sono affiancate sino ad oggi la gestione di altre
13 strutture di rilevanti dimensioni e la realizzazione di diverse iniziative nel settore dei servizi all’infanzia, in particolare:
3 strutture proprie, convenzionate interamente con il Comune di Roma, 2 strutture Comunali  e 9 asili aziendali, per oltre
600 bambini ospitati. 

Il nido è aperto dal 1° settembre al 31 luglio. Le giornate di chiusura saranno solo quelle festive, garantendo l’apertura del servizio anche nel corso delle festività natalizie e pasquali.

Orario di apertura e chiusura

L’orario giornaliero sarà dal lunedì al venerdì dalle ore 6,40 alle ore 18,00 (per gli utenti del S. Filippo Neri)
e dalle 8,00 alle 16,30 per gli utenti comunali.

Organizzazione della  giornata al nido

 

6.40/8.00 - 9.00 Accoglienza, momento di cura e di attenzione nel creare buone strategie per la separazione e dare stabilità ai bambini già entrati.

9.30-10.00 Momento dedicato alla colazione nei propri ambienti,

10.00-11.30 Proposte di attività in piccolo gruppo o individuali, che secondo la fascia di competenza possono coinvolgere il bambino in attività sensoriali e logico-percettive; in questo arco di tempo si farà anche uso del giardino; si darà avvio al cambio, secondo l’esigenza dei bambini, privilegiando il rapporto con la figura di riferimento; i più piccoli potranno riposare e pranzare secondo i propri bisogni

11.30-12.30 Alla fine delle attività ci si appresta alla cura personale del bambino, con il lavaggio delle mani. Condivisione  del momento del pasto, cercando di coinvolgere i bambini più grandi nelle operazioni di apparecchiare, sparecchiare la tavola e del servirsi da soli.

12.30 Lavaggio delle mani e del viso e cura della persona.

Le attività a seguire vengono organizzate in funzione degli orari di uscita dei bambini; alcuni attenderanno con le educatrici l’arrivo dei genitori, altri si intratterranno in attività di lettura o di costruzioni sul tappeto, altri ancora saranno accompagnati nella camera del sonno, dove un’educatrice veglierà sul riposo dei bambini fino al loro risveglio.

15.00 - 18.00  Ai bambini che hanno concluso il riposo verrà offerta la merenda, prima di riprendere le attività presenti nell’ambiente; la giornata si conclude con il ricongiungimento familiare.

Obiettivo primario del nido è quello di creare nuovi legami/attaccamenti, che si qualifichino come secondari rispetto a quelli familiari.
Gli approcci metodologici scelti si rifanno all’idea di “bambino capace: le funzioni fisiche e psichiche del bambino emergono nelle interazioni che egli instaura con gli adulti o con i coetanei “più competenti” all’interno di un ambiente organizzato dove l’adulto ha la funzione di una solida impalcatura che, a mano a mano che il bambino diventa competente e autonomo, deve essere gradualmente smantellata, al fine di garantirne l’autonomia e l’indipendenza.

Le esperienze educative e le attività sono suddivise per aree di sviluppo, differenziate a seconda delle fasce d’età dei bambini e delle abilità acquisite nel percorso di crescita da ciascuno di essi e si riferiscono ai seguenti ambiti di esperienza: area corporea, motoria e senso-percettiva, area dello sviluppo del linguaggio, area dello sviluppo logico percettivo, area dello sviluppo espressivo: grafico, pittorico, plastico e simbolico.

Le sezioni sono organizzate in “angoli” e “centri di interesse” che corrispondono a differenti ambiti di esperienza dei bambini. 

Il nostro progetto educativo prevede inoltre l’inserimento di attività didattiche integrative ed innovative al progetto base/tradizionale da noi già attuate in altri nidi in via sperimentale. Tali attività hanno dimostrato una straordinaria capacità di interesse e di apprendimento da parte dei bambini tanto da convincerci a introdurle nei piani educativi abituali: l’educazione musicale per piccoli, medi e grandi, i percorsi alimentari, i laboratori didattici con materiali di recupero.

Le prime esperienze relazionali del bambino, al di fuori del contesto familiare, sono importanti nel determinare lo stile relazionale che egli avrà in futuro. In questo sviluppo, un ruolo centrale viene giocato dalla relazione con l’educatore che lascerà tracce sull’esperienza relazionale dei bambini.

L’ambientamento è un momento molto delicato ed importante della vita dei bambini poiché prevede una separazione dall’ambiente familiare e perché rappresenta anche un importante passaggio evolutivo, da una dimensione familiare nota a una dimensione sociale, sconosciuta.

Rappresenta infatti il primo contatto importante con altri bimbi in un ambiente costruito per lui, ma non conosciuto da lui. L’ambientamento coinvolge tanto il bambino quanto la sua famiglia. Infatti, il genitore vive un momento di conflittualità interiore molto importante, dal momento che da una parte desidera che il bambino sia compreso e che trovi accoglienza e comprensione, dall’altra, teme di essere sostituito da una nuova figura nell’affetto del figlio.

 

Foto Di alcuni Spazi Sezione

 

Sezioni Medi - Angolo Morbido

Salone d'Ingresso

Sezioni Grandi - Angolo Morbido

Sezioni  Grandi - Spazio del Gioco Simbolico per giocare a “Far Finta!!”

Sezioni Piccoli - Angolo Morbido

Sezione Grandi - Spazio del Gioco Simbolico

Angolo Piccoli e Genitori

Angolo Lettura e Animazione